Microsoft Hololens

HoloLens è un dispositivo che funziona in modo autonomo: non necessita di cavi che lo connettano ad altri dispositivi o al pc. Questo almeno nelle intenzioni, perché i giornalisti statunitensi presenti all'evento hanno provato un prototipo con un cavo per l'alimentazione attaccato al dispositivo. Ci chiediamo quindi quale sia la durata dell'autonomia.

Il visore è praticamente un computer da indossare sulla testa con lenti trasparenti (permettono di vedere l'ambiente circostante), sensori avanzati non meglio specificati e audio surround (spatial sound) che permette di capire da dove proviene il suono. Alex Kipman ha affermato che HoloLens processa terabyte di dati che raccoglie dai sensori in tempo reale. Il dispositivo capisce dove state guardando, i vostri gesti e i comandi vocali.

Grazie alle Holographic API (Application Programming Interface) presenti in Windows 10 gli sviluppatori possono realizzare esperienze: Microsoft ha incoraggiato aziende come Magic Leap e Oculus a lavorare per creare i loro ologrammi. Durante l'evento Microsoft ha riprodotto alcuni video dimostrativi molto sorprendenti, mostrando scienziati della Nasa al lavoro con Curiosity in un ambiente virtuale per progettare i tragitti del rover e non solo. Il frutto della collaborazione è un programma chiamato OnSight.

Un'altra dimostrazione ha riguardato l'ambito gaming, con Minecraft riprodotto virtualmente in un salotto. Ora diventa chiaro perché Microsoft ha acquisito Mojang per 2,5 miliardi di dollari: si tratta di una possibile killer app per spingere HoloLens, considerando che Minecraft conta milioni di giocatori su pc, console e mobile. Non c'era quindi dietro solo il valore del titolo in sé, ma una strategia più strutturata.

Interessanti anche le parole di Strauss Zelnick, Ceo di Take-Two Interactive, che ha definito la tecnologia di Microsoft "straordinaria". Chissà se e quando l'editore commissionerà una versione olografica di Grand Theft Auto (GTA) a Rockstar Games. Altre dimostrazioni hanno visto la costruzione di dispositivi virtuali in 3D e la possibilità di chiedere aiuto in tempo reale per la riparazione dell'impianto idraulico, con tanto di istruzioni animate sovrapposte ai tubi reali.

Inoltre è possibile chiacchierare via Skype con un collega mentre si passeggia per l'ufficio o guardare la tv proiettata su un muro (senza che altri vi vedano) e così via. Microsoft ha poi mostrato come sfruttare il software HoloStudio per costruire un quadricottero, agendo con i gesti sui pezzi virtuali. Comandi vocali come "incolla" sono serviti a mettere i pezzi insieme, ma nella dimostrazione sono state impartite altre istruzioni come "specchio" per copiare dei pezzi e "ruota" per cambiarne l'orientamento.

I commenti sono chiusi